Articoli

Dalla fine degli undici giorni della fase pre-mestruale, in cui l’energia fisica e mentale ha iniziato a dirigersi verso l’interno suggerendoci di rallentare il ritmo quotidiano, il ventottesimo giorno il nostro utero inizia a lasciare andare delle parti di lui con l’arrivo delle mestruazioni.

L’endometrio, lo strato più interno della parete uterina si sfalda, ossia pezzettini di questo tessuto si staccano e noi iniziamo a sanguinare. Il primo giorno di mestruazione segna sia la fine che l’inizio di un nuovo ciclo ovarico.

Le mestruazioni, insieme alla gravidanza e al parto, rappresentano i tre eventi più magici e più misteriosi della natura della donna. Perché?

Parlando delle mestruazioni, la cosa più formidabile è che noi siamo in grado di sanguinare senza morire e soprattutto il nostro corpo è in grado di auto-guarirsi dopo questa ‘’emorragia’’. Sì, perché le mestruazioni hanno tantissimi fenomeni cellulari in comune con lo stato infiammatorio acuto che caratterizza le patologie, ma a differenza di questo il finire della nostra ‘’infiammazione’’ non comporta il deposito di tessuto cicatriziale, evento tipico che si verifica con il protrarsi dell’infiammazione patologica (le classiche aderenze). Se questo dovesse avvenire, infatti, il nostro utero non avrebbe più la capacità di movimento, che gli consente di svolgere la sue funzioni di base ad esempio come quella di contrarsi quando inizia il parto.

Avete capito bene Donne? Noi tutti i mesi per circa 35 anni della nostra vita sperimentiamo una sorta di infiammazione che siamo in grado di sostenere da sole. Il nostro corpo femminile ha questo immenso ed infinito potere.

Essendo, la mestruazione, un momento in cui viene interpellato anche il nostro sistema immunitario, perché lo mucosa uterina ha bisogno di essere riparata in modo fisiologico dopo la sua disgregazione, la fase mestruale è per noi la fase più delicata di tutto il mese.

Se osserviamo la natura, dopo il periodo estivo di massimo splendore ed espansione, segue l’autunno, la nostra fase premestruale, in cui inizia il ritiro e l’inverno, dove la terra, apparentemente morta e spenta, in realtà si riposa per prepararsi ad un successivo ciclo di vita. Così accade per noi durante la mestruazione. È il momento in cui lasciamo andare il vecchio, l’endometrio che si stacca con il sangue, per fare spazio al nuovo. Questo sia a livello emotivo-corporeo che energetico. Rappresenta la fine, la morte, ma al tempo stesso la nostra rinascita, ed è per questo che appena inizia a concludersi il sanguinamento ci sentiamo come rigenerate.

Questo avviene, però, solo se siamo in grado di rispettare questo ritmo biologico sacro ed inarrestabile. Durante i giorni del sangue, il mantra che deve risuonare nella testa è riposo assoluto, soprattutto nei primi due giorni. C’è bisogno di stare, mestruare e godersi questo momento di recupero. Se nei giorni precedenti non vi siete fermate un attimo, qui l’imposizione è assoluta.

Se già prestate attenzione ai segnali del vostro ciclo mestruale, questo messaggio di ‘’rest’’ riuscite già a percepirlo. Nonostante il nostro corpo ci parli in modo chiaro, a volte resistiamo alla chiamata di bisogno che lui ci invia. Mi capita spesso, infatti, di parlare con donne che si rendono conto della loro necessità di fermarsi durante i loro giorni rossi, ma non sono in grado di farlo per delle resistenze mentali.

Accade, così, che le imposizioni e i condizionamenti mentali (quali ad esempio, che fermarsi sia sbagliato ed inutile) siano più forti dei bisogni corporei. È così che iniziano ad insorgere sintomi quali: mal di testa, mal di schiena, mal di pancia fino ad arrivare a vertigini o vomito nei giorni precedenti o proprio nei giorni mestruali, segnali di aiuto che il nostro corpo ci invia per farci capire che stiamo abusando delle nostre risorse interne. Quando queste donne iniziano ad assecondare le esigenze del corpo, i sintomi iniziano a regredire.

Se riusciamo a ritagliarci questo spazio di ritiro fisico, possiamo connetterci con il nostro spazio di ritiro interiore, che ci parlerà di cosa del mese o degli anni precedenti con questa mestruazione stiamo lasciando andare e che cosa ci prepariamo ad accogliere. È la fase in cui tutte le idee, le valutazioni, i pensieri, i sogni che abbiamo maturato nelle fasi precedenti arrivano al punto finale perché siamo in grado di sapere cosa abbandonare e cosa, invece, iniziare o continuare a coltivare con il nuovo ciclo. Ecco perché questa fase viene definita fase della Strega: la connessione con la nostra sorgente interiore è così forte e profonda, siamo così dentro noi stesse, che siamo capaci di sapere qual è la nostra strada attraverso la nostra visione.

Il ciclo mestruale ci insegna a credere nel nostro potere ciclico creativo. Ci insegna a vivere nel presente facendoci vedere come tutto è in costante cambiamento, come tutto attraversa un ciclo di inizio, fine e di nuovo inizio, come la morte sia solo un’apparente fine e che per questo motivo possiamo abbandonare i nostri attaccamenti ed onorarla tanto quanto la vita.

Tutto questo è già dentro di noi, pronto per essere appreso in ogni momento. Non dobbiamo leggere, non dobbiamo studiare, dobbiamo solo ascoltare, conoscere e dialogare con il nostro corpo e da lui apprendere queste lezioni.

Quindi, se durante le mestruazioni sentite il bisogno di stare da sole, di diminuire gli impegni presi, di stare in casa e rilassarvi con una tisana e una coperta o avete bisogno di dormire di più, ma la vostra testa vi dice che dovete fare questo, quello e quell’altro, che avete preso un impegno per una cena con gli amici e non potete rimandare, che dovete sistemare casa perché è un disastro, FERMATELA e ditele: Grazie per i tuoi consigli, però in questo momento ciò che sento nel corpo è più importante” ed assecondate ciò che davvero sentite, senza sensi di colpa o rimproveri. Solo così possiamo imparare ad avere rispetto per noi stesse e cambiare il paradigma che anche durante le mestruazioni dobbiamo fare tutto come se nulla fosse o che le mestruazioni non servano a nulla. Imparerete piano piano a sfruttare questo potente momento meditativo a vostro favore quando per esempio dovrete prendere una decisione su cosa fare o no o per capire cosa volete cambiare nella vostra vita.

Ascoltate il vostro potere!

 

Valentina Vavassori – Osteopata Curandera (trattamenti osteopatici adulti, donne in gravidanza, neonati e bambini). Lavoro femminile di guarigione del ciclo mestruale singolo o a gruppi.

366 3402454
val.vavassori@gmail.com
www.valentinavavassoriosteopata.com
osteopatia-Valentina Vavassori

© VivoYOGA | p.i. 03554400139 | Privacy Policy | Cookie Policy