Articoli

La pratica yoga è un viaggio personale e soggettivo. Potrebbe essere vissuto come uno stretching, ma molto facilmente, quanto più si pratica, quanto più lo yoga inizia a trasformarti. Cambia il corpo, la postura, ma ad un certo punto inizia a cambiare anche lo stato interiore, emotivo e mentale.

Lo yoga inizia così a prendere più spazio nella nostra vita, uscendo anche dai nostri tappetini e portandoci a cambiare la nostra routine, spingendoci a fare scelte diverse per noi stessi, la nostra salute e il nostro benessere.

Quanto più si pratica, quanto più i benefici aumentano, quanto più non se ne può fare a meno! Diventa così un desiderio spontaneo quello di iniziare a portare lo yoga a casa nostra, oltre che ai corsi.

In questo articolo voglio condividere con voi alcuni consigli per la vostra pratica da casa, in maniera da poter ottenere i massimi benefici anche da “auto-didatti” 🙂

Consigli per la tua pratica da casa

  • Evita di mangiare prima della pratica, sarebbe meglio che tu fossi totalmente a digiuno. Nel caso in cui non ti fosse possibile, scegli di mangiare qualcosa che sia facilmente digeribile, energetico e leggero. Ad esempio un frutto come la mela o della frutta secca.
  • Evita di bere subito prima o durante la tua pratica.
  • Se ti è possibile, scegli un luogo e momento della giornata in cui è fattibile per te togliere o limitare al massimo elementi di disturbo (come ad esempio poter spegnere o silenziare il tuo telefono).
  • Se ti è possibile, scegli di praticare quanto più spesso nello stesso luogo, meglio se dedicato solo a te e ai tuoi momenti per te stesso. Lì si creerà uno spazio speciale – il tuo! – che a lungo andare sarà in grado di donarti energia positiva e benessere anche nei momenti in cui ne avrai più bisogno.
  • Rendi il tuo spazio sacro, semplicemente dedicandogli alcune attenzioni particolari. Se ti piace, scegli di accendere un incenso prima della pratica o un diffusore di essenze. Puoi informarti sull’aroma più adatto per quella particolare giornata o momento della tua vita. Potresti anche mettere un fiore sul tuo tappetino, come un’offerta di ringraziamento alla vita, una statua o l’immagine di un Maestro a cui ti ispiri. Della musica – se ti fa piacere – e accendere una candela. È il tuo spazio, “decoralo” con i colori e profumi che più ti fanno sentire bene e a casa.
  • Ricordati sempre di dedicare del tempo a Savasana – la posizione finale di rilassamento – anche se sei di corsa! Questa posizione è fondamentale per lasciare che corpo e mente integrino dentro di sé tutto il lavoro fatto prima.
  • Ricordati sempre che l’obiettivo della tua pratica dovrebbe essere quella di avere maggiore consapevolezza di te stesso e del tuo corpo e di giungere alla fine sentendoti bene e integrato con corpo e mente.

Due parole sulle sequenze che sceglierai di praticare

Una delle difficoltà maggiori quando si decide di praticare da soli riguarda la scelta delle asana da praticare ma soprattutto, in quale sequenza?

Un professionista è tale in quanto ha seguito una formazione che l’ha portato a saper costruire delle sequenze che possano creare integrazione in corpo e mente. Quando si lavora con le asana e la respirazione, è infatti importante saper compensare sempre il lavoro profondo che stiamo eseguendo. Per questo è importante come auto-didatti rifarsi alle indicazioni di un esperto.

Sequenze pronte le puoi facilmente trovare sui libri di yoga, ma il mio consiglio è quello di affidarsi alla guida dei video. Il beneficio più grande dei video infatti, è quello di avere una voce che ti guida e conduce, così la tua mente ha il permesso per spegnersi e godere invece al massimo di tutti i benefici della pratica!

Questo consiglio lo considero valido per ogni studente (anche per chi è già insegnante!). Io per prima durante la pratica a casa mi faccio guidare da video online di professionisti che stimo. La mia mente così ha il permesso per spegnersi ed io posso dedicarmi completamente alla respirazione e all’ascolto del corpo, entrando più profondamente nella mia pratica.

Diverso sarebbe se devo costruirmi io le mie sequenze, passerei la mia pratica ad un livello sempre razionale, perché avrò sempre bisogno che la mia mente resti attiva e dinamica nel ricordare quale asana inserire dopo.

Ce ne sono diversi gratuiti (alcuni li trovi anche sul canale youtube di vivoyoga), meglio se sono completi di rilassamento finale guidato e introspezione con attenzione alla respirazione.

Riassumendo, perché fare pratica con i video?

  • Hai una guida che ti accompagna e che pratica con te dove e quando vuoi
  • Le sequenze create dai professionisti sono studiate apposta per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi e per creare integrazione tra corpo e mente
  • Praticare con una voce che ti accompagna aiuta a darti motivazione ed entusiasmo
  • Puoi mantenere in maniera più facile la tua pratica costante
  • Puoi interrompere il video quando vuoi per:
    – prenderti tutto il tempo per provare la posizione
    – tornare indietro e ripetere degli esercizi o sequenze che ti sono piaciuti
    – ripetere le sequenze tutte le volte che vuoi
    – personalizzare la tua pratica alternando le lezioni dei diversi corsi
    – far durare il tuo savasana tutto il tempo che desideri

Eccezioni 

Ci sono delle eccezioni ovviamente e anche tra gli insegnanti c’è chi preferisce “auto-condursi” la propria pratica. Da questo punto di vista trovo che lo stile yoga ‘Ashtanga Vinyasa’ ha questo punto veramente forte: sequenze che restano sempre le stesse e che una volta interiorizzate non richiedono più che si “pensi” durante la pratica e invece ci si concentra totalmente sulla respirazione.

Trovo molto bello anche sperimentare il “lasciarsi andare all’ascolto del corpo”. Così è come piace praticare a me quando scelgo di non farmi condurre da una voce esterna. Salgo sul tappetino e dopo il momento di introspezione e di ascolto, permetto al corpo stesso di dirmi quello che desidera fare in quel preciso momento. Lascio che ad ogni asana segua la successiva non perché è stata ragionata ma perché è il corpo stesso che la richiede.

Trovo questo lavoro molto profondo e che spinge ad una conoscenza di se stessi e del proprio corpo estremamente gratificante. Perché la realtà è che ad un livello più profondo di quello della coscienza razionale, esiste un’intelligenza che sa e conosce esattamente cosa è giusto per noi, in ogni momento. Saper ascoltare questa voce, rispettarla e viverla, ha veramente il grande potere di cambiare radicalmente la nostra vita e il rapporto con essa e noi stessi.

In qualunque maniera tu decida di praticare, ricordati sempre di:

Rispettare sempre il tuo corpo e amare anche i suoi limiti – fermandoti se necessario o trovando degli accorgimenti che rendano la posizione più adatta alle tue esigenze.

Tenere sempre una respirazione profonda e consapevole. Quanto più durante la pratica ti ricordi di respirare, quanti più benefici stai ottenendo! Questa è la vera differenza tra una pratica yoga e una qualunque altra ginnastica.

Non dovresti MAI sentire dolore. Siamo sempre alla ricerca della sensazione del corpo, non del dolore. Se senti male, fai un passettino indietro, torna a respirare profondamente. Vedrai che il tuo corpo ti seguirà velocemente ripagando la tua pazienza.

 

Se vuoi praticare con me puoi seguire il mio canale YouTube, dove troverai tanti contenuti gratuiti sempre in aggiornamento. Oppure seguire uno dei pacchetti di lezioni complete (anche di introspezione, respirazione e pratica di rilassamento profondo guidato) che ho creato apposta per poterti aiutare con la tua pratica da casa.

 

Buonissima pratica!

Michela Aldeghi – ideatrice di vivoYOGA e E.Motion Artist, artista delle emozioni e dell’energia in movimento.
Studentessa e insegnante di yoga e meditazione, curiosa esploratrice e instancabile viaggiatrice.

 vivo YOGA
vivo_yoga

Quando si inizia a praticare yoga e ci si appassiona, arriva presto il momento in cui nasce il desiderio di saperne di più su questa pratica antica.

Ma se ci mettiamo a fare delle ricerche per conto nostro ci troviamo presto a scontrarci con concetti astratti e confusi, termini difficili che sembrano cambiare di significato a seconda del contesto. Soprattutto spesso poca chiarezza riguardo a cosa c’entrano tutti questi concetti spirituali con quello che si fa sul tappetino yoga ai corsi.

In questo articolo voglio provare a sintetizzare i concetti esprimendoli nella maniera più chiara e semplificata possibile, partendo dalle basi.

Cos’è lo yoga?

Yoga – dal vocabolo sanscrito jug, significa “legare assieme“, “unire“.

Lo stato di yoga è la condizione nella quale l’essere umano è unito a Dio, riscoprendo la sua vera natura spirituale al di là delle illusioni del piano fisico e mentale.

Secondo la concezione degli indù vengono dunque chiamate yoga tutte quelle pratiche o metodi che guidano l’essere umano ad un livello superiore di coscienza e nella direzione dell’auto-realizzazione

Per tradizione le principali vie dello Yoga sono quattro. Quattro differenti cammini che conducono alla stessa meta. Proprio per questo, anche se sono differenti fra di loro, si integrano e il compimento dell’uno porta alla realizzazione di tutti gli altri. Questi sono:

  • Raja Yoga – lo yoga della concentrazione interiore (conosciuto anche come Yoga Regale)
  • Karma Yoga – lo yoga del servizio disinteressato
  • Jnana Yoga – lo yoga della conoscenza e dell’intelletto
  • Bhakti Yoga – lo yoga della devozione

Oltre alle quattro vie principali già nominate, esistono altri yoga classici, tra cui il Mantra Yoga, il Japa Yoga, il Laya Yoga e l’Hatha yoga.

Il Raja Yoga

storia yoga raja yoga

Quando parliamo di yoga ci riferiamo indirettamente sempre al Raja Yoga, lo yoga classico, che vede la sua comparsa e descrizione attorno al II secolo a.C. nel famoso testo “Gli Yoga Sutra” di Patanjali.

Il testo si compone di 196 sutra (aforismi) sullo yoga che spiegano il cammino che il praticante dovrà affrontare per poter raggiungere l’illuminazione. In particolare Patanjali descrive questo percorso in 8 passi, conosciuti a noi come gli 8 rami dello yoga o Ashtanga Yoga.

Vi parlerò in maniera più approfondita di questo testo in un articolo dedicato.

Ci basti ora sapere che questo testo fornisce allo yogi (e quindi interessa anche a noi):

  • le norme pratiche e morali da adottare, ovvero lo stile di vita yogico
  • le pratiche che mirano a conquistare la mente attraverso il controllo della sfera fisica
  • la descrizione dei passaggi interiori che avvengono nel praticante durante la meditazione nel raggiungimento dello stadio ultimo del Samadhi (o illuminazione o realizzazione ultima, meta finale di ogni praticante)

L’Hatha Yoga

Veniamo ora all’hatha yoga, iniziando a fare un pò di chiarezza sui diversi termini che incontriamo.

In antichità tutte le forme di yoga consideravano il corpo, con i suoi bisogni e impulsi, come un ostacolo che bisognava “tenere a bada” con un forte auto-controllo sviluppato grazie alle pratiche di concentrazione interiore e meditazione.

Le pratiche yoga insegnavano dunque a trascendere il corpo per poter raggiungere il fine ultimo dell’illuminazione.

L’hatha yoga, di origine tantrica, vede la sua comparsa storica nel testo classico “Hatha Yoga Pradipika“, nel 1400 d.C., con una grande rivoluzione: la visione del corpo non come un ostacolo da superare ma, tutto il contrario, la via stessa dell’auto-realizzazione.

L’hatha infatti viene considerato lo yoga “del corpo”, ed è quello a cui ci riferiamo più spesso noi occidentali quando parliamo di yoga, e quello da cui sono nati tutti gli stili dello yoga moderno che conosciamo.

Rispetto alle altre vie classiche dello yoga dunque, l’hatha considera il corpo come una via per il raggiungimento finale di unione spirituale e non come un ostacolo da superare o ignorare.

In origine nasce come ausiliare al Raja Yoga e veniva praticato con lo scopo di purificare le nadi – canali pranici corrispondenti al sistema nervoso – per far sì che il corpo non fosse di ostacolo alla meditazione e che anzi aiutasse nello scopo della concentrazione interiore

L’hatha yoga si compone di una parte fisica e una mentale, attraverso tecniche di pranayama (respirazioni controllate) e asana (posizioni del corpo). Il corpo diviene dunque importante per poter trascendere ed evolvere spiritualmente. Il fine ultimo rimane sempre lo stesso, ma le vie e visioni che utilizzano sono diverse.

L’hatha yoga in antichità veniva trasmesso ed insegnato esclusivamente per via orale da maestro a discepolo, con il suggello del segreto.

Lo yoga moderno

Le cose hanno iniziato a cambiare in maniera definitiva grazie a Tirumalai Krishnamacharia (18 novembre 1888 – 28 febbraio 1989), considerato infatti il padre dello yoga moderno. A lui dobbiamo la diffusione dello yoga in occidente, ma anche la vista del ritorno alla ribalta di questa antica disciplina, che anche in India stava scomparendo.

T. Krishnamacharia è stato un grande studioso e filosofo, che ha studiato in Tibet in una grotta ai piedi del monte Kailash con il suo maestro Sri Bramachari per 7 anni, prima di tornare a Mysore dove fu chiamato a lavorare come maestro di yoga dal Maharaja Nalvadi Krishnaraja Wodeyar.

Universalmente riconosciuto come l’architetto del Vinyasa, intesa come l’arte di combinare il respiro con il movimento, è stato il maestro dei maestri Pattabhi Jois (creatore dello stile di yoga Ashtanga Vinyasa), B.K.S. Yiengar (ideatore dello yoga che porta infatti il suo nome) e T.K.V. Desikachar, uno dei suoi figli, che rimase accanto a suo padre imparando da lui per trent’anni, continuando dopo la sua morte a divulgare il suo insegnamento.

E’ da questi stili che si sono creati tutti quelli che conosciamo noi oggi e che lo yoga è arrivato nelle nostre case, ci ha fatto srotolare i tappetini e imparare un nuovo rapporto con noi stessi ed il nostro corpo.

Ashtanga yoga e Ashtanga Vinyasa yoga – qual è la differenza?

Se ci avete fatto caso, in questo articolo sono stati nominati sia l’Ashtanga Yoga, quando abbiamo parlato degli yoga sutra di Patanjali, sia l’Ashtanga Vinyasa Yoga, parlando di uno stile di yoga moderno ideato da Pattabhi Jois.

Questi due termini si riferiscono alla stessa cosa? No!

Spesso si fa molta confusione anche perché chi pratica l’Ashtanga Vinyasa tende ad abbreviare dicendo di fare “Ashtanga Yoga”.

In realtà l’Ashtanga Yoga si riferisce agli otto rami dello yoga descritti da Patanjali, mentre l’Ashtanga Vinyasa è propriamente lo stile di yoga.

Detto questo, chi pratica Ashtanga Vinyasa molto spesso pratica anche lo yoga degli otto rami di Patanjali.

Ma quindi, io quale yoga sto praticando?

Per concludere e tirare le fila del discorso, quando ci mettiamo sul tappetino e pratichiamo yoga, a prescindere dallo stile (che sia yin, ashtanga vinyasa, vinyasa, power, hot, bikram, integrale, ecc. ecc.) stiamo facendo tutti Hatha Yoga, ovvero lo yoga del corpo. Utilizziamo pranayama e asana, purifichiamo le nadi, creiamo un corpo forte e flessibile e indirettamente lavoriamo sul nostro corpo energetico preparandolo alla meditazione.

Quando e se decidiamo di far diventare lo yoga una pratica olistica, di auto-realizzazione, scoperta e crescita personale, adottando anche le pratiche suggerite da Patanjali negli otto rami, stiamo facendo Ashtanga Yoga.

In ogni caso, che sia una, l’altra cosa o entrambe, Yoga è tutto ciò che ci sta guidando ad un livello superiore di coscienza e nella direzione dell’auto-realizzazione.

Iniziamo dal tappetino spinti da mille ragioni diverse, ognuno con il proprio passato e storia. Ma come mi piace spesso ricordare, non importa che tu inizi a praticare perché vuoi imparare a meditare o perché vuoi dimagrire. Una volta che saliamo sul nostro tappetino ed iniziamo il viaggio, sarà lo yoga stesso a trasformarci, nella misura e direzione che siamo pronti a vivere ed affrontare.

Avete più chiarezza o ancora qualche dubbio? Fatemelo sapere!

Buona pratica <3

 

Michela Aldeghi – ideatrice di vivoYOGA e E.Motion Artist, artista delle emozioni e dell’energia in movimento.
Studentessa e insegnante di yoga e meditazione, curiosa esploratrice e instancabile viaggiatrice.

 vivo YOGA
vivo_yoga

Quando ci si può considerare “avanzati” nello yoga, quindi non più dei principianti?

Ovviamente quando si conoscono i nomi in sanscrito delle asana, le sequenze dei saluti al sole a memoria e si è capaci di portarsi il piede dietro la testa (meglio se entrambi) e di fluttuare da una posizione all’altra passando sempre da un handstand.

E’ vero?!

This is not, of course 🙂

Se così fosse, i ballerini o i ginnasti sarebbero i migliori yogis al mondo!

Se saper stare in equilibrio sulle mani non fa di me uno studente avanzato, allora cosa fa la differenza?

Uno dei messaggi più difficili da far comprendere a chi inizia a frequentare le lezioni di yoga è l’importanza dell’ascolto e del rispetto di se stessi e del proprio corpo durante la pratica.

L’idea che lo scopo dello yoga sia di dover raggiungere la posizione finale spesso si insinua nella mente del praticante diventando un ostacolo lungo il percorso.
Ma come tutti gli ostacoli, anche quest’idea può diventare nostra maestra e insegnante.

Oggi che siamo nell’era dei social, dell’apparenza e dell’immagine, è ancora più facile che il tappetino yoga diventi il luogo dove tornano a galla le nostre insicurezze, spesso con radici nella nostra infanzia, che ci spingono inconsciamente a dover dimostrare di essere bravi abbastanza o anche migliori degli altri. Per far questo siamo disposti ad esasperare la posizione pur di dimostrare che non siamo da meno o semplicemente per poter dire: “ecco, ce l’ho fatta anch’io!”

Ci confrontiamo con le altre persone nella stanza – o sui social – ma in realtà la vera battaglia è con noi stessi e divenirne consapevoli è il primo passo, perché la pratica dello yoga è anche e soprattutto un cambiamento interiore ed uno studente “avanzato” è colui che inizia a sperimentare questo cambiamento, da fuori a dentro.’

L’obiettivo dello yoga infatti non è mai la meta, ma il viaggio in sé.

Perciò, da cosa si riconosce uno yogi “avanzato”?

  1. Rispetta il suo corpo nel momento presente

Uno yogi ha imparato ad ascoltare e riconoscere i bisogni del proprio corpo, consapevole che ogni giorno è diverso essendo soggetto a più fattori, sia emotivi che fisici. Può essere che ieri arrivava a toccarsi la punta dei piedi e oggi arriva con le mani alle ginocchia.. lo yogi è in pace con questo e si gode il semplice fatto di allungarsi, a prescindere da dove arrivano le sue mani 🙂

  1. La sua attenzione durante le asana va al respiro

Lo yoga è una pratica di consapevolezza e la prima attenzione va al nostro respiro. Per questo durante la pratica, il primo intento dello yogi è quello di tenere l’attenzione quanto più a lungo nella respirazione, lasciando che sia lei a guidare il movimento. Ogni volta che si accorge che non sta respirando, semplicemente ne prende atto e ritorna con la consapevolezza nel respiro e nel corpo.

  1. Si confronta solo con se stesso

Il viaggio attraverso cui lo yoga ci accompagna rimane sempre soggettivo, dipende dal punto di partenza, dalle proprie esperienze passate, dalle ragioni che ci hanno spinto in primo luogo a salire sul tappetino. Per questo lo yogi non si confronta con gli altri, perché è consapevole che ognuno ha un’esperienza interiore diversa. Semmai, lascia che gli altri siano un’ispirazione!

  1. Si gode il viaggio

Lo yoga è un viaggio che dura tutta la vita, ogni pratica ci porta sempre più profondamente a scoprire noi stessi, rivelandoci chi siamo nel corpo e nella mente. Non esiste punto d’arrivo, è una costante evoluzione e cambiamento. Per questo lo yogi ha imparato a godersi il viaggio, scoprendo in esso la vera essenza della pratica.

  1. Ama se stesso

L’amore per se stessi non è argomento facile, al mondo d’oggi viene spesso scambiato per egoismo. Bisognerebbe prima amare gli altri, giusto?
Lo yoga porta poco a poco a riscoprire un genuino amore per se stessi, per chi si è, a prescindere dalle cose che si fanno, da come si appare, dagli obiettivi raggiunti o dalle proprie capacità. Lo yoga ci fa fare pace con noi stessi, ci mostra buio e luce dentro di noi e con la pratica costante, ci dona la capacità del perdono e dell’accettazione.

Uno yogi avanzato si riconosce perché ha imparato a rispettare i propri limiti, a celebrare i propri successi e a godersi il viaggio della vita in compagnia innanzitutto di se stesso.

E tu sei d’accordo? Hai iniziato a sperimentare qualcuno di questi cambiamenti? O magari degli altri? Fammi sapere!

Enjoy your journey.

Namastè

 

Michela Aldeghi – ideatrice di vivoYOGA e E.Motion Artist, artista delle emozioni e dell’energia in movimento.
Studentessa e insegnante di yoga e meditazione, curiosa esploratrice e instancabile viaggiatrice.

 vivo YOGA
vivo_yoga

© VivoYOGA | p.i. 03554400139 | Privacy Policy | Cookie Policy